Archivi categoria: 2019

Hai un sito web accessibile a persone con disabilità?

Per accessibilità si intende la capacità dei sistemi informatici di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, da parte di tutti gli utenti, compresi coloro che si trovano in situazioni di limitazioni fisiche, tecnologiche o ambientali.
Rendere il proprio sito web accessibile significa renderlo facilmente utilizzabile, percepibile, comprensibile e robusto ad utenti con disabilità, ma anche ad altri gruppi di utenti, come chi accede al sito tramite un dispositivo mobile o chi naviga in internet con una connessione lenta.
Diverse sono le linee guida e le leggi proposte che mirano alla valutazione dell’accessibilità dei siti web. Tra le più riconosciute a livello internazionale le linee guida WCAG proposte dal W3C, che includono un insieme di criteri di successo per rendere i siti web accessibili.
Durante questa attività mostreremo il funzionamento di MAUVE, uno strumento per la validazione automatica di pagine web secondo gli standard internazionali di accessibilità (WCAG 2.0 e WCAG 2.1)) sviluppato dal laboratorio HIIS dell’Istituto di scienza e tecnologie dell’informazione del Cnr (Isti-Cnr).

La linguistica computazionale ai tempi dell’intelligenza artificiale

Come leggere un testo riconoscendone gli elementi informativi rilevanti e come scrivere un elaborato impiegando strutture linguistiche che lo rendano chiaro, semplice e comprensibile? Attraverso gli strumenti di analisi automatica del contenuto e della forma linguistica di un testo sviluppati dalla linguistica computazionale che facilitano l’estrazione automatica da un testo delle informazioni rilevanti e delle principali caratteristiche linguistiche ricostruendo lo stile di scrittura, aiutando la comprensione del testo in fase di lettura e fornendo utili consigli per scrivere un testo di qualità.

Durante Bright – la Notte dei Ricercatori al Cnr di Pisa verrà mostrato come tecnologie per l’acquisizione e l’organizzazione di informazione linguistica e semantico-lessicale contenuta in collezioni di testi possano essere utilizzate per monitorare le abilità linguistiche di chi scrive, valutare il livello di accessibilità del testo e identificarne in maniera automatica i contenuti rilevanti.