Archivi tag: Aula A29

La linguistica computazionale ai tempi dell’intelligenza artificiale

Come leggere un testo riconoscendone gli elementi informativi rilevanti e come scrivere un elaborato impiegando strutture linguistiche che lo rendano chiaro, semplice e comprensibile? Gli strumenti di analisi automatica del contenuto e della forma linguistica di un testo sviluppati dalla linguistica computazionale possono facilitare questi compiti. Essi permettono infatti di estrarre automaticamente da un testo le informazioni rilevanti e le principali caratteristiche linguistiche ricostruendo lo stile di scrittura, aiutando la comprensione del testo in fase di lettura e fornendo utili consigli per scrivere un testo di qualità. In questo laboratorio verrà mostrato come tecnologie per l’acquisizione e l’organizzazione di informazione linguistica e semantico-lessicale contenuta in collezioni di testi possano essere utilizzati per monitorare le abilità linguistiche di chi scrive, valutare il livello di accessibilità del testo e identificarne in maniera automatica i contenuti rilevanti. 

Vita quotidiana all’ombra delle Cupola del Brunelleschi

 

brunelleschi

Una selezione ragionata di schede estratte dall’archivio dell’Opera di Santa Maria del Fiore di Firenze, relative alla costruzione della Cupola di Brunelleschi, sulle quali sono state applicate elaborazioni software. Partendo dalle schede estratte e utilizzando tecnologie software di rappresentazione grafica di dati matriciali, è possibile costruire applicazioni interattive che mostrano diagrammi, alberi, grafi dei contenuti. Il ricco contenuto dei dati può essere così analizzato con un nuovo approccio, in grado di mettere in evidenza quelle che sono le caratteristiche salienti: – quali erano i materiali e gli strumenti più utilizzati; – la provenienza dei materiali o i mezzi di trasporto usati per la costruzione della cupola; – la lingua che scritta che troviamo nei documenti, in particolare la percentuale d’uso della lingua latina in rapporto a quella volgare che si sta affermando in quel periodo; – i mestieri e la condizione lavorativa dell’epoca. 

Le narrazioni al tempo del Semantic Web

narrative

Il Narrative Building and Visualising Tool (NBVT) è un software semi automatico che permette all’utente di costruire e visualizzare narrazioni, intese come reti semantiche di eventi collegati tra di loro e agli oggetti contenuti in biblioteche digitali esterne, come per esempio Europeana, tramite apposite relazioni semantiche. NBVT consente di costruire narrazioni a partire da un’ontologia per la loro rappresentazione formale da noi sviluppata ed utilizza Wikidata e Wikimedia Commons come basi di conoscenza esterne da cui estrae automaticamente immagini ed entità.
La conoscenza collezionata tramite il software è esportata come Linked Open Data e salvata nel formato del Web Semantico OWL (Web Ontology Language).
Una volta creata una narrazione, NBVT permette all’utente di esplorarla secondo diverse prospettive, per esempio è possibile visualizzare gli eventi e le entità che la compongono, tutti gli eventi collegati ad una particolare entità, gli eventi in un arco temporale scelto dall’utente, le fonti primarie di ogni evento.

Per maggiori informazioni sul nostro progetto: dlnarratives.eu