Settembre 2018 – Pagina 14 – La Notte dei Ricercatori CNR 2021
  • Type:
  • Category:

Mese: Settembre 2018

Esplorando il nanomondo

 

La natura è grande nelle piccole cose ma è grandissima nelle piccole(Plinio il Vecchio).

Le nanotecnologie sono fondamentali in moltissimi campi, dai trasporti all’elettronica, all’industria chimica e biotecnologica.

In campo farmaceutico, per esempio, le nanotecnologie servono soprattutto per creare nuovi sistemi di somministrazione dei farmaci che ne migliorano gli effetti, l’efficacia e la sicurezza. Come vettori, inoltre, trovano impiego anche nella diagnostica per immagini, per lo più in ambito oncologico.

Purtroppo esiste un’altra faccia della medaglia che consiste nell’immissione nell’ambiente di nanoparticelle, sia derivate dalle nanotecnologie, che dalla degradazione di materiali macro (es. plastiche). Qual è l’impatto che queste nanoparticelle possono avere nell’ ambiente marino (si sa che alla fine tutto finisce in mare!)? Cosa rischiano i microrganismi, alla base della catena alimentare marina?

Nel corso del laboratorio vi mostreremo le attività di ricerca svolte nell’Istituto di Biofisica riguardanti alcune potenzialità delle nanoparticelle e i possibili effetti sugli organismi viventi.

Demo di tecnologie Virtual Reality applicate ai Beni Culturali

 

Dimostrazione di applicazioni di visita virtuale su modelli digitali 3D (sia desktop/web che mediante uso di tecnologia VR – caschetto HMD). Visita di una chiesa rupestre (Mottola, Puglia) e di altri Beni Culturali.

Stampare oltre il 3D

 

La stampa 3D che tutti conosciamo ci dà oggetti inerti, statici, incapaci di cambiare proprietà nel tempo o di svolgere specifiche funzioni. Ma è possibile fare molto di più: stampare oggetti 3D capaci di rispondere all’ambiente circostante, cambiando caratteristiche in base agli stimoli ricevuti.

Come i materiali fotoattivi e luminescenti che reagiscono agli impulsi luminosi, nati dalle ricerche innovative del team di coordinato da Andrea Camposeo, e ora in fase di sviluppo grazie all’ambizioso progetto xPRINT finanziato dallo European Research Council.

Ti aspettiamo il 28 settembre nell’Area della Ricerca di Pisa per scoprire come alle 3D della stampa standard si aggiunge la quarta dimensione che permette a un materiale di trasformarsi!

Scroll to top