Esterno – Pagina 2 – La Notte dei Ricercatori CNR
  • Type:
  • Category:

Esterno

La trasformabilità della plastica

In questo laboratorio ideato da Simona Bronco ricercatrice dell’Istituto per i processi chimico-fisici del Cnr (Ipcf-Cnr) verrà illustrato come si può trasformare la plastica e sfruttare la termoplastica per riciclarla. Verranno mostrate  alcuni materiali bioplastici che nascono dal recupero di scarti alimentari o che, se di derivazione petrolchimica, sono compostabili o biodegradabili.

Economia circolare di materiali di scarto

Questo laboratorio ha l’obiettivo di mostrare come è possibile  migliorare la gestione delle risorse naturali e rendere le attività economiche più efficienti e meno impattanti per l’ambiente. Questo obiettivo può essere perseguito promuovendo un sistema circolare, in cui il valore dei materiali viene il più possibile mantenuto o recuperato e la produzione di scarti minimizzata.
Diversi materiali di scarto, quali fanghi di depurazione, scarti di filiera di attività agro-industriali e sedimenti di dragaggio contaminati, possono essere, previo opportuno trattamento, riciclati nell’ambiente.
In particolare, saranno mostrati i risultati dei progetti Life AgriSed e Life Subsed, entrambi volti a dimostrare la possibilità di convertire i sedimenti di dragaggio da rifiuti a risorsa attraverso l’applicazione di tecniche sostenibili, sia dal punto di vista ambientale che da quello economico.
Inoltre, saranno mostrati i risultati del progetto Life Zeowine, finalizzato a migliorare il settore vitivinicolo attraverso l’utilizzo di un prodotto innovativo derivante dal compostaggio dei prodotti di scarto della filiera vitivinicola e zeoliti.

Go, il gioco strategico più antico del mondo

10gioco del go

Il go è il più antico gioco da tavolo, nato in Cina circa 4000 anni fa e diffuso nel mondo in tempi moderni a partire dal Giappone, dove era il gioco dei nobili fin dal ‘600.

Gioco di estrema eleganza e di regole semplicissime, la sua complessità è tale che solo nel marzo dell’anno scorso il  programma AlphaGo di Google DeepMind, usando per la prima volta tecniche di intelligenza artificiale allo stato dell’arte (deep neural networks) e la potenza distribuita di calcolo di centinaia di processori, è riuscito a sconfiggere uno dei più forti giocatori del mondo, il coreano Lee Sedol, in una serie di cinque partite con una posta in gioco di un milione di dollari conclusasi 4-1.

I membri del club ToscanaGo vi aspettano per avvicinare curiosi e interessati a questo affascinante gioco.

Scroll to top