Seminario – Pagina 5 – La Notte dei Ricercatori CNR 2021
  • Type:
  • Category:

Seminario

Il lato oscuro dei Social Media

 

Il fenomeno Social Media nell’ultimo decennio ha visto una crescita esponenziale, coinvolgendo un numero sempre maggiore di persone. Facebook ha superato i 2 miliardi di utenti attivi mensilmente, su Twitter si producono più di 500 milioni di tweet al giorno e su Youtube ogni minuto vengono caricate più di 100 ore di video.

Grazie ai social network possiamo rimanere in contatto con il mondo esterno, mantenerci aggiornati su ciò che accade, raccontarci e confrontarci con gli altri.

Quali sono i social più utilizzati e quelli che rischiano di portare a uno stato di dipendenza dai risvolti anche negativi?

In questo seminario tenuto dal ricercatore dell’Istituto di Informatica e Telematica del Cnr (Iit-Cnr) Maurizio Tesconi durante Bright La Notte dei Ricercatori nell’Area della Ricerca del Cnr di Pisa, sarà mostrata una panoramica sul fenomeno dei social media, dalla nascita, la diffusione delle principali piattaforme, fino alle attuali tendenze, mostrando anche i pericoli nascosti dietro l’utilizzo compulsivo di questi strumenti.

 

I calcolatori del futuro – Cos’è un computer quantistico, e che cosa sa fare?

Ogni tanto si sente parlare di misteriosi “computer quantistici” che sarebbero in grado di fare calcoli che nessun computer al mondo può fare – per esempio, rompere la crittografia RSA che usiamo tutti i giorni quando andiamo su internet. In questo seminario il ricercatore Oliver Morsch dell’Istituto Nazionale di Ottica del Cnr (Ino-Cnr) spiegherà come funzionano questi computer e come gli scienziati usano le proprietà stranissime della fisica quantistica per costruirli. Vedremo poi che i computer quantistici non servono soltanto per rompere i codici segreti, ma anche per realizzare nuovi materiali e medicinali, per ottimizzare processi industriali e persino per capire meglio la stessa fisica quantistica. 

La tua auto ti spia!

Con l’avvento delle “auto intelligenti” aumentano i rischi per la sicurezza e la privacy  del guidatore.

E’ possibile, per esempio, accedere alle informazioni personali dell’autista o ai dati del veicolo, quali per esempio il consumo del carburante o il livello dell’olio, rendendoli volontariamente (e illegalmente) pubblici o rubandoli attraverso attacchi informatici ai sistemi di comunicazione del veicolo.

Accedendo alla rete di comunicazione interna dell’auto è possibile venire in possesso, infatti, dei dati che vengono scambiati tra le centraline, modificarli, replicarli e/o bloccarli, causando, così, anche diversi problemi.

Il 28 settembre nell’Area della Ricerca del Cnr di Pisa, durante Bright- La Notte dei Ricercatori Giampiero Costantino e Ilaria Matteucci dell’Istituto di Informatica e Telematica del Cnr (Iit-Cnr) ci mostreranno, tra le altre cose, come un virus sviluppato dal Gruppo Cybersecurity dell’Iit-Cnr può accedere in modo non autorizzato ai dati e alla strumentazione di un’automobile, per esempio al microfono interno dell’auto o alle telecamere di parcheggio, rubando conversazioni o immagini dall’interno dell’abitacolo.

Scroll to top